ART 184

fonte

Art. 184

Classificazione

 

1. Ai fini dell’attuazione della parte quarta del presente decreto i rifiuti sono classificati, secondo l’origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, secondo le caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi.

2. Sono rifiuti urbani:

a)      I rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione,

b)      I rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli indicati alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell’articolo 198, comma 2, lettera g);

c)       I rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade;

d)      I rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d’acqua;

e)      I rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali;

f)       I rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni , nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriali diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).

 

3. Sono rifiuti speciali:

a)      I rifiuti da attività agricole e agro-industriali;

b)      I rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti [pericolosi] (1) che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dall’articolo 186;

c)       I rifiuti da lavorazioni industriali [fatto salvo quanto previsto dall’articolo 185, comma1, lettera i)] (2);

d)      Rifiuti da lavorazioni artigianali;

e)      Rifiuti da attività commerciali;

f)       Rifiuti da attività di servizio;

g)      Rifiuti derivanti dalle attività di recupero e smaltimento di rifiuti , i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi;

h)      I rifiuti derivanti da attività sanitarie;

i)        I macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti;

l)        I veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti;

m)    Il combustibile derivato da rifiuti;

[n)i rifiuti derivanti dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani] (3);

 

4. Con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio di concerto con il Ministro delle attività produttive si provvede ad istituire l’elenco dei rifiuti, conformemente all’articolo 1, comma 1, lettera a), della direttiva 75/442/CE (4) ed all’articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CE (5), di cui alla decisione della Commissione 2000/532/CE del 3 maggio 2000 (6). Sino dall’emanazione del predetto decreto continuano ad applicarsi le disposizioni di cui alla direttiva del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio del 9 aprile 2002, pubblicata nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 108 del 10 maggio 2002 (7)e riportata nell’allegato D alla parte quarta del presente decreto.

5. Sono pericolosi i rifiuti non domestici indicati espressamente come tali, con apposito asterisco, nell’elenco di cui all’allegato D alla parte quarta del presente decreto, sulla base degli articoli G, H e I alla medesima parte quarta.

5 bis. I sistemi d’arma, i mezzi, i materiali e le infrastrutture direttamente destinati alla difesa militare ed alla sicurezza nazionale individuati con decreto del Ministro della difesa, nonché la gestione dei materiali e dei rifiuti e la bonifica dei siti ove vengono immagazzinati i citati materiali, sono disciplinati dalla parte quarta del presente decreto con procedure speciali da definirsi con decreto del Ministro della difesa, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ed il Ministro della salute, da adottarsi entro il 31 dicembre 2008. I magazzini, i depositi e i siti di stoccaggio nei quali vengono custoditi i medesimi materiali e rifiuti sono soggetti alle autorizzazioni ed ai nulla osta previsti dal medesimo decreto interministeriale (8).


Per la visione delle note all’art. 184 si rimanda alla lettura del pdf allegato

Approfondisci l’argomento consultando l’articolo principale
Fonte:
Argomenti trattati: Notizie dal Consorzio Autonomo Riciclo Plastica Italia
Altre informazioni inerenti ART 184: , , http://www.consorziocarpi.com/feed/rss, Consorzio Autonomo Riciclo Plastica Italia – Pagine Recenti,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi